martedì 6 febbraio 2018

Pro e Contro del Microinfusore : Parte 1a Diabete


Dopo vent'anni di diabete ci vorrebbero ore e ore per raccontare i pro e i contro del microinfusiore. Quindi iniziamo con questi PRO: - libero da orari per fare l'insulina; - gestione dei basali per correggere meglio ipoglicemie e attività sportiva; - sensori della glicemia che consentono di monitorare l'andamento glicemico 24h su 24h; Contro - aghi cannula non sempre inseriti correttamente, che portano ad ipoglicemie

lunedì 30 gennaio 2017

L’importanza del diario glicemico - Gestione Diabete di Tipo 1

In un diario glicemico, che sia scritto a mano o su un foglio elettronico, si dovrebbero annotare i valori della glicemia nei momenti fondamentali della giornata: al risveglio, e dopo prima i pasti, prima di andare a dormire. Tra le tante, buone, abitudini che dovrebbe avere un diabetico c’è senza dubbio: tenere ed aggiornare un diario glicemico. Dai. Parliamoci chiaro. Chi ha la pazienza e la buona volontà di tenerlo sotto controllo? Avere il diario compilato e pronto da stampare al momento della visita col diabetologo aiuta parecchio a capire come reagiamo all’insulina e quali siano i nostri comportamenti alimentari, in modo da lavorare su quelli sbagliati. E (attenzione!) non vale inserire tutti i valori glicemici poco prima della visita, controllando il reflettometro. In questo modo si perde infatti la connessione tra i cambiamenti della glicemia e gli “avvenimenti” di un dato giorno: un’ipoglicemia avrà un valore diverso in una giornata da divano e tv rispetto ad una in cui ho percorso 50 km saltellando. No? Un reale controllo del diario è quello che si fa tutti i giorni, appuntando il rapporto causa/effetto tra i comportamenti e le glicemie. Questo discorso è rivolto anche e soprattutto a me stesso, nel tentativo di non lasciare più il mio povero diario in bianco. Per oggi è tutto, un saluto e alla prossima!